Una casa in miniatura sopra delle banconote che sta a significare gli sgravi fiscali del bonsu affitti 2021

Bonus affitto casa 2021: requisiti e nuovo modulo

Tra le agevolazioni affitto casa introdotte dal governo troviamo il bonus affitto casa 2021, un contributo a fondo perduto per i proprietari che abbassano temporaneamente il costo dell’affitto mensile ai propri inquilini.

In questo articolo vedremo cos’è il bonus affitto casa, a chi è destinato e quanto si può ottenere come riduzione delle tasse. In seguito elencheremo i requisiti per ottenere il bonus e nel paragrafo finale parleremo del nuovo modulo per richiedere il bonus.

Il team di Inpoi è sempre al tuo fianco! Compila il form per avere tutte le informazioni utili sul tuo immobile!


Bonus affitto casa 2021: cos’è?

Il bonus affitto casa 2021 è un finanziamento a fondo perduto, inserito nella nuova legge di bilancio. Spetterà ai proprietari di immobili che decidano di applicare una riduzione canone locazione ai propri inquilini. Si tratta di una misura in favore dei proprietari che hanno deciso di affittare casa a studenti o a persone che si trovano in difficoltà economica e che non possono sostenere il costo dell’affitto mensile.

Nello specifico vediamo che il bonus consiste in una restituzione, sotto forma di credito d’imposta, del 50% della riduzione del canone d’affitto applicata. Se riducessimo ad esempio l’affitto di un immobile da 600 a 400 euro mensili, e cioè 200 euro di riduzione, il credito che si otterrà sarà pari alla metà della riduzione e quindi 100 euro al mese. 

Si potrà ottenere un rimborso annuo non superiore a 1200 euro la cui ripartizione sarà gestita dal proprietario di casa. Si potrebbe ottenere ad esempio una riduzione di 100 euro al mese (a fronte di 200 euro di sconto sull’affitto) per 12 mesi, oppure si potrebbe condensare la riduzione in sei mesi (applicando uno sconto maggiore). Sarà il proprietario a valutare la soluzione più adatta.

Requisiti e come richiederlo

Il bonus affitto casa non è solo un’ottima soluzione per aiutare il proprio inquilino. Per il proprietario che non possiede un’assicurazione affitto infatti il bonus può rappresentare una tutela. L’inquilino che per difficoltà contingenti non possa pagare l’affitto, avendo una riduzione, eviterà probabilmente di diventare moroso. 

Ci sono diversi requisiti per ottenere il bonus, vediamoli in breve:

  • L’immobile deve essere esclusivamente ad uso abitativo (categoria catastale A, esclusi A10).
  • Deve trovarsi in un comune ad alta densità abitativa (puoi controllare qui: elenco di comuni alta densità abitativa).
  • Essere la residenza o il domicilio principale del locatore.
  • Deve esserci una rinegoziazione del contratto (da effettuare tramite modello RLI) che ufficializzi la riduzione del canone di affitto (Questo atto non graverà su quanto costa registrare un contratto di affitto).
  • Il bonus può essere applicato ai contratti in essere a partire dal 29 ottobre 2020 (data in cui è stata presentata in gazzetta ufficiale la misura).

Bonus affitto casa 2021: il nuovo modulo da presentare

La misura del Bonus affitti era già stata introdotta con il decreto ristori nel 2020 attraverso l’istituzione del fondo per la sostenibilità del pagamento degli affitti (D.L. 137/2020, art.9-ter). Sono stati stanziati 100 milioni di cui 50 per tutto il 2021. La nuova versione si differenzia solo per i moduli agenzia delle entrate da presentare mentre per requisiti e tetto massimo di restituzione resta identica. 

Il nuovo modulo è scaricabile qui: modulo agenzia delle entrate